NIGERIA

nigeria
SUPERFICIE923.768 kmq
POPOLAZIONE179.000.000
ETA' MEDIA18 anni
Source: CIA, World Bank, CPI, World Economic Forum, 2016

Scenario politico

Dopo l'indipendenza ottenuta nel 1960, la Nigeria è stata oggetto di svariati colpi di stato e un dominio per lo più militare fino alla morte del capo di stato – il generale dell'esercito Sani Abacha – nel 1988. Ne è seguita una transizione politica e infine l'instaurazione di un regime democratico nel 1999. Da allora il Partito Democratico del Popolo (PDP), ha dominato la scena politica nigeriana, prevalendo nelle elezioni fino al disastroso risultato conseguito nell'ultimo suffragio del 2015, che ha visto la vittoria del partito d'opposizione, il Congresso di Tutti i Progressisti, che ha ottenuto maggioranze in entrambe le camere oltre al'insediamento del proprio candidato alla presidenza, Muhammadu Buhari.

Il Partito Progressivo del Congresso (APC) è stato fondato nel febbraio del 2013 attraverso una fusione tra i tre principali partiti d'opposizione – il Congresso d'Azione delle Nigeria (ACN), Il Partito del Popolo di Tutta la Nigeria (ANPP) e il Congresso per il Cambiamento Progressista (CPC). Questa nuova forza è riuscita a consolidare la propria posizione e tra la fine del 2013 e l'inizio del 2014 si è guadagnata il sostegno di molto legislatori che avevano disertato i ranghi del partito al governo.

L'ex generale musulmano Muhammadu Buhari, che si era candidato senza successo alle presidenziali nel 2003, 2007 e 2001, è riuscito ad emergere nel dicembre 2014, come candidato presidente per il Congresso di Tutti i Progressisti alle elezioni generali tenute nel marzo del 2015 e da lui vinte, sconfiggendo il presidente uscente Goodluck Jonathan. Ciò nonostante, sebbene abbia il controllo sia del livello federale che statale del governo, in quanto fusione di più partiti, l'APC non vanta una grande coesione ideologica. Perciò mantenere l'unità del partito APC fino alle prossime elezioni nazionali previste per marzo 2019 sarà una sfida notevole per Buhani. Inoltre, il precedente partito al potere, il Partito Democratico del Popolo (PDP), anch'esso alle prese con faide interne, gode ancora di notevole sostegno. Il risultato delle prossime elezioni nel 2019 dipenderà largamente sull'unità del APC e se riuscirà a convincere i nigeriani di essere stato più efficace del precedente governo nel migliorare le condizioni di vita dei nigeriani.

INDICATORInigeria

nigeria

nigeria

nigeria

nigeria

nigeria

TUTTI GLI ARTICOLI

Boko Haram ha cambiato pelle ma uccide sempre di più

Il leader Abubakar Shekau ricompare in video per rivendicare le violenze che insanguinano la Nigeria. E smentisce così il presidente Buhari, che aveva dichiarato il nemico battuto. Il gruppo è stato sì indebolito, ma soprattutto, ha cambiato missione. In cerca di attività più redditizie
Marco Cochi • Venerdì, 05 Gennaio 2018 08:15
 

Dopo mezzo secolo, il Nigeria riapre la guerra del Biafra

Un conto corrente segreto in Francia è stato il pretesto per far classificare dal governo nigeriano il movimento secessionista Popoli indigeni del Biafra come organizzazione terroristica. Unione Europea e Stati Uniti intervengono ma il presidente non gradisce l'intromissione.
Marco Cochi • Venerdì, 29 Settembre 2017 15:28
 

Boko Haram torna a minacciare il Camerun e il nord della Nigeria

La promessa elettorale del presidente nigeriano Muhammadu Buhari, gravemente malato da mesi, di liberare definitivamente la nazione dal terrore di Boko Haram e riportare la pace è rimasta lettera morta, come provano i ripetuti attacchi del gruppo estremista nigeriano.
Marco Cochi • Venerdì, 21 Luglio 2017 09:51
 

La nuova riscossa

Istruzione e diversificazione dell’economia sono parte di un piano volto a garantire un futuro economico di grande successo.
Massimo Zaurrini • Venerdì, 30 Giugno 2017 12:28
 

50 anni dopo lo spettro del Biafra aleggia ancora

Sono trascorsi cinquant’anni anni, da quando il 30 maggio 1967 (anche se alcuni fonti indicano il 29 maggio) il tenente colonnello Chukwuemeka Odumegwu-Ojukwu dichiarò l’indipendenza del Biafra, lacerando nelle fondamenta l’unità della Nigeria e innescando un sanguinoso conflitto tra lo Stato centrale e le forze biafrane.  
Marco Cochi • Sabato, 03 Giugno 2017 11:22