photo credit: www.internazionale.it
photo credit: www.internazionale.it

Santiago del Cile. Un Museo di Arte Contemporanea che da oltre cinquant’anni – nonostante i terremoti che ciclicamente hanno danneggiato l’ala ovest del Palazzo delle Belle Arti – ospita nei suoi 7000 metri quadrati espositivi esempi di tenacia e creatività su scala mondiale. Con un occhio di riguardo alla capacità di ricostruire e reiventarsi, sempre alla ricerca di nuovi punti di vista, mantenendo ben salde le proprie radici latine.


LEGGI ANCHE : L’arte delle sagome dai contrasti netti. Ellsworth Kelly in mostra alla Tate di Liverpool


Sarà per questo che all’interno di queste mura il lavoro di Carlo Gavazzeni risuona particolarmente suggestivo, perfettamente accordato. E Gavazzeni di tonalità se ne intende, dal momento che il nome della sua famiglia è scritto nella storia della musica italiana da generazioni.

Casa Ricordi è infatti la più grande casa editrice musicale nazionale, un’istituzione che parla e respira musica ma anche teatro, danza, letteratura. Una sinfonia culturale che ha guidato con naturalezza il giovane Carlo, classe 1965, permettendogli di crescere artisticamente e facendolo approdare infine ad un mezzo espressivo che si affida allo sguardo e ai colori, più che alle note e alle parole. Si dice che fu con la Leica M4 di suo nonno che Carlo scattò i primi ritratti in bianco e nero, rimanendo folgorato dall'immediatezza del mezzo fotografico.

Sarà poi una Linhof a guidare i suoi occhi, a catturarne visioni e ricordi, a spingerlo ad esplorare nuove possibilità espressive. Gavazzeni infatti non si limita a scattare fotografie, ma sperimenta tecniche e impostazioni in autonomia, manipolando e spesso danneggiando la pellicola attraverso i processi chimici di sviluppo. La mia idea è quella di giocare con l’impressione della luce, che porta un segreto, come se potesse raccontarti tutto ciò che è successo attraverso gli anni. Le mie foto tentano di mostrare tutte le immagini che il nostro cervello riesce ad immagazzinare e a rielaborare. Immagini, quindi, che si fondono l’una sull’altra; in questo modo tutte le volte che si chiudono le palpebre, quel paesaggismo diventa sempre più interiore”.  Nelle sue opere è sempre presente la sua storia, le sue origini così profondamente caratterizzanti che gli permettono di trasformare in vere e proprie scenografie teatrali ciò che osserva e su cui imposta uno scatto.

Una modella d’eccezione per Gavazzeni è la capitale per eccellenza, la decadente e carismatica Roma, ammirata in tutti i suoi secoli di gloria, fasti e rovine tutte da reinventare. Perché la poesia degli scatti dell’artista – che in questo caso ha scelto di utilizzare una tecnica che combina la sovrapposizione di più fotografie – risiede nella capacità di movimentare la luce ed i colori all’interno della scena, vivificandola. Ed ecco che la fotografia, il mezzo attraverso cui solitamente fissiamo un momento della storia, in cui cristallizziamo il tempo che in realtà continua inesorabilmente a scorrere, diventa invece un ponte tra passato e presente, un’opera viva e senza tempo.

Al MAC di Santiago del Cile sono esposte – oltre ad una sintesi del lavoro realizzato dall’artista milanese per le sue mostre romane, dove la protagonista indiscussa è proprio la capitale italiana - sedici fotografie di dimensioni monumentali che ritraggono una serie di vedute della Puglia, altro luogo del cuore di Gavazzeni.

La mostra è a cura di Claudio Strinati, estimatore del lavori di Gavazzeni Ha rielaborato la tecnica fotografica in un modo personalissimo, attraverso un percorso di ricerca e di studio. Il risultato finale è una specie di stratificazione di molte immagini con luci diverse, una cifra stilistica che è nello stesso tempo fotografica e pittorica”.

@benedettabodo

Memoria de la retina

MAC - Museo de Arte Contemporáneo, Parque Forestal di Santiago del Cile

4  novembre 2016 - 22 gennaio 2017

http://www.mac.uchile.cl/exhibiciones/expo/memoria-de-la-retina

Scrivi il tuo commento
@

Oppure usa i tuo profili social per commentare

GRAZIE