Yacouba Sawadogo è un contadino nato in Burkina Faso, in Africa Occidentale, nella regione semidesertica del Sahel. All'inizio degli anni ‘80, dopo aver svolto l'attività di commerciante, torna nella regione di Yatenga, nel suo villaggio di Gourga, dove decide di fermare l'avanzata del deserto adattando e perfezionando un metodo ancestrale di coltivazione, lo zaï. Malgrado lo scetticismo degli abitanti della regione, che lo prendono per pazzo, lui persevera e alcuni anni più tardi una foresta di una quindicina di ettari fa effettivamente da barriera contro l'avanzata del deserto. Gli abitanti che erano fuggiti sono quindi tornati a coltivare i loro campi.


LEGGI ANCHE : Fuori Mugabe, o quasi, ora a chi tocca?


Per continuare a leggere, acquista il pdf del numero.

Per abbonarti, visita la nostra pagina abbonamenti.