Quella storia dei ventidue in mutande che rincorrono un pallone in realtà non vale. Il calcio è qualcosa di più importante, e ora non si parla di passione e importanza sociale. È un’enorme macchina di consensi, un costruttore di immagine, uno strumento di potere. Non da oggi, da sempre.


LEGGI ANCHE : Il genio Musk supera la Nasa


Per continuare a leggere, acquista il pdf del numero.

Per abbonarti, visita la nostra pagina abbonamenti.