EVENTI

Eastwest - Il nuovo numero

Luglio/Agosto 2016 IL NUOVO MEDIOEVO Dal 1 luglio in edicola, in libreria e in digitale il nuovo Eastwest
redazione • Giovedì, 30 Giugno 2016 15:41
 

L'arte del buon augurio. Choi Jeong Hwa in mostra al Kiasma Museum di Helsinki

Il cuore dell’arte contemporanea di Helsinki risiede paradossalmente in quello che è conosciuto - letteralmente - per essere una parte del cervello. Il Kiasma Museum prende infatti il nome da un punto specifico all’interno del nostro cranio, ovvero laddove si incrociano le fibre dei due nervi ottici i quali, dopo che la retina ha acquisito un immagine, inviano l’impulso al cervello, in modo che possa un attimo dopo elaborarla e riconoscerla.
Benedetta Bodo di Albaretto • Sabato, 25 Giugno 2016 10:25
 

Christo e Jeanne-Claude. Memorie di paesaggi inimmaginabili al Lago d’Iseo

Christo è più di un simbolo, più di un progetto artistico, più di una coppia famosa. Christo è sinonimo di land art, di opere dalla vita breve e indimenticabile, di immaginazione che diviene realtà su grande scala, di incredibile che diventa possibile. Christo è anche semplicemente un nome, quello con cui è stato battezzato l’erede dell’imprenditore bulgaro Yavachev il giorno della sua nascita, il 13 giugno 1935. Lo stesso giorno che vide i natali di Jeanne-Claude Denat de Guillebon, la donna che incontrerà oltre vent’anni dopo a Parigi e con cui condividerà sguardi e passioni.
Benedetta Bodo di Albaretto • Domenica, 19 Giugno 2016 10:02
 

But a Storm Is Blowing from Paradise. Artisti contemporanei dal Medio Oriente e dal Nord Africa in mostra al Guggenheim di New York

Con un titolo allusivo e suggestivo, But a Storm Is Blowing from Paradise cita apertamente l'opera dell’artista iraniano Rokni Haerizadeh, a sua volta ispiratosi al filosofo tedesco Walter Benjamin.
Benedetta Bodo di Albaretto • Domenica, 12 Giugno 2016 09:30
 

Incontro con Sylvie Goulard e Mario Monti “Quale Europa dopo il Referendum Britannico?"

In occasione dell’uscita del libro “Goodbye Europe” di Sylvie Goulard, Eastwest presenta l’incontro “QUALE EUROPA DOPO IL REFERENDUM BRITANNICO?”
redazione • Giovedì, 09 Giugno 2016 15:18
 

Le Belle Statuine Fuori Servizio alla Galleria CANOVA 22 a Roma

Lo spazio espositivo Canova 22 a Roma ospita, da giovedì 26 maggio alle 18:30 fino a lunedì 30 maggio, la Mostra personale di ceramica dal titolo Le Belle Statuine Fuori Servizio.
redazione • Mercoledì, 25 Maggio 2016 15:57
 

L’essenza in uno spazio calcolato. Helena Almeida in mostra alla Galerie Jeau de Paume, Parigi

Anima e corpo. La prima si manifesta nei sguardi e nelle tracce di colore, il secondo è protagonista dell’ultima mostra presentata alla Galleria parigina Jeu de Paume, dove l’artista portoghese Helena Almeida ha presentato un insieme di dipinti, fotografie, video e disegni che hanno dato vita e titolo a Corpus. La fisicità di Helena occupa uno spazio ben definito non solo nelle sale del Jeu de Paume, lasciando intravedere la vera natura, l’anima appunto, del cospicuo lavoro dell’artista dal 1960 ad oggi.
Benedetta Bodo di Albaretto • Sabato, 21 Maggio 2016 12:11
 

Thomas Ruff: Object Relations. Una realtà alternativa in mostra all’Art Gallery of Ontario, Toronto

Anche i precursori dell’arte vivono di prime volte, soprattutto quando si tratta di spazi museali in cui non sono ancora stati ospitati, soprattutto quando vengono invitati da Paesi che non avevano ancora accolto le loro manifestazioni artistiche.
Benedetta Bodo di Albaretto • Sabato, 14 Maggio 2016 10:26
 

Eastwest al Salone del Libro di Torino

EASTWEST sarà presente al Salone Internazionale del Libro di Torino.
redazione • Lunedì, 09 Maggio 2016 16:44
 

L’arte della sospensione. Tomás Saraceno alla K21 Ständehaus di Düsseldorf

Tra una manciata di giorni una delle installazioni più famose degli ultimi tempi compirà tre anni di fluttuazione dall’alto della piazza del K21 Ständehaus, dove l’artista ed architetto argentino Tomás Saraceno ha riversato un intreccio di cavi di acciaio e sfere in PVC, dalle quali ha preso vita la visionaria opera In orbit.
Benedetta Bodo di Albaretto • Domenica, 08 Maggio 2016 10:07
 

Miti e artisti, il passato come nuovo presente. Francesco Vezzoli al Museion di Bolzano

Dal oltre trent’anni il Museo d’arte Moderna e Contemporanea di Bolzano, meglio noto come Museion, lavora con grande senso critico ed originalità per arricchire, custodire e mostrare al pubblico una collezione di opere d’arte di qualità, scelte perché possano essere d’ispirazione per le nuove generazioni di artisti e non solo.
Benedetta Bodo di Albaretto • Sabato, 30 Aprile 2016 09:30
 

Eastwest - Il nuovo numero

BREXIT, SUICIDIO DI MASSA Dal 2 maggio in edicola, in libreria e in digitale il nuovo Eastwest!
redazione • Venerdì, 29 Aprile 2016 17:35
 

East Forum 2016

Il 14 luglio 2016 si terrà a Roma l'XI edizione dell’East Forum che affronterà il tema de “La Nuova Europa: Migrazioni, Integrazione e Sicurezza”.
redazione • Martedì, 12 Aprile 2016 11:56
 

L’Arte collaterale. Elmgreen & Dragset all’Ullens Center for Contemporary Art di Pechino

Fondato dalla coppia di collezionisti belga Guy e Myriam Ullens, inaugurato nel 2008 nel cuore del noto quartiere artistico 798 Art District, a Dashanzi, Pechino, l’Ullens Center for Contemporary Art (UCCA) è in assoluto il primo museo privato no profit cinese. Proprio laddove arte e cultura sono e sono sempre state un monopolio di Stato, il focus del progetto è stato incentrato sulla promozione dell’arte contemporanea cinese ed internazionale. Una sfida che può considerarsi vinta, data l’incredibile risposta di pubblico.
Benedetta Bodo di Albaretto • Domenica, 03 Aprile 2016 09:28
 

Chronicle of an assassination foretold. La morte di Rabin in mostra a Roma

In alcune caricature lo hanno vestito da gerarca nazista, somma offesa per il traditore della patria. In altre gli hanno fatto indossare la kefiah, alla maniera di Arafat, il terrorista a cui “aveva svenduto l’anima d’Israele”. Poi gli hanno sparato, nella pubblica piazza, a Tel Aviv, il 4 novembre del 1995. C’è un prima e un dopo la morte di Yitzhak Rabin, nella storia recente del Medio Oriente, e Amos Gitai, regista, si è chiesto per vent’anni quale fosse la giusta distanza, come l’arte potesse affrontare la violenza politica che irrompe nella democrazia e ne devia il corso.
Davide Vannucci • Sabato, 26 Marzo 2016 12:37
 

Essere la storia, e qualcosa in più. Anselm Kiefer al Centre Pompidou di Parigi

Sono il tempo e la memoria a scandire i passi e gli sguardi dei visitatori del Centre Pompidou di Parigi, dove l’artista Anselm Kiefer, dopo trent’anni di assenza in Francia, è stato invitato ad allestire una grande retrospettiva. Centocinquanta le opere a disposizione del famoso contenitore di arte contemporanea della capitale francese, una decina di sale adibite a contenere un estratto di oltre cinquant’anni di ricerca, uno studio tradotto in pittura, scultura, installazioni monumentali, libri d’artista.
Benedetta Bodo di Albaretto • Sabato, 26 Marzo 2016 09:30
 

Questione di battiti. Gregorio Botta al Museo di Arte Contemporanea di Lima, Perù

Il nuovissimo Museo di arte contemporanea di Lima - più conosciuto semplicemente come MAC, inaugurato nel 2013 e da subito molto amato per le immense stanze che vivono di luce - nel 2016 ha aperto le sue porte ad una mostra suggestiva intitolata Latidos, in italiano Battiti. Ed è proprio tra un battito ed una vibrazione che l’artista invitato ad esporre, il napoletano Gregorio Botta, ha trovato respiro ed una sua collocazione temporanea all’interno dell’importante collezione di artisti contemporanei sudamericani selezionati dal direttore del Museo, Álvaro Roca Rey.
Benedetta Bodo di Albaretto • Domenica, 20 Marzo 2016 09:09
 

L’Arte è di tutti. Gilbert & George al Museum of Old and New Art di Hobart, Tasmania

C’è una prima volta per tutto, a volte più eccezionale di quanto si possa immaginare. Nel caso di una delle coppie più famose dell’arte contemporanea, i leggendari Gilbert & George, l’ultima “prima volta” è stata in Australia, dove è stata organizzata una delle loro più grandi e complete retrospettive. Infatti, i curatori della mostra -  Olivier Varenne e Nicole Durling, affiancati dagli stessi Gilbert & George – hanno pianificato una personale che ha previsto l’esposizione di oltre cento opere di varie dimensioni, selezionate partendo da una produzione che conta ormai cinque decenni di attività, dai primi lavori degli anni Settanta ai più recenti datati 2014.
Benedetta Bodo di Albaretto • Domenica, 13 Marzo 2016 10:00