A che gioco sta giocando l’Iran?


Dietro le notizie di conflitti, crisi e violenze che arrivano da numerosi Stati del Medio Oriente è facile vedere il filo rosso dello scontro interno all’Islam tra sunniti e sciiti. Questa faida intra-religiosa non è altro che lo schermo dietro cui le due potenze regionali, Iran e Arabia Saudita, mascherano il loro Grande Gioco per l’egemonia sull’area.

Dietro le notizie di conflitti, crisi e violenze che arrivano da numerosi Stati del Medio Oriente è facile vedere il filo rosso dello scontro interno all’Islam tra sunniti e sciiti. Questa faida intra-religiosa non è altro che lo schermo dietro cui le due potenze regionali, Iran e Arabia Saudita, mascherano il loro Grande Gioco per l’egemonia sull’area.

REUTERS/Muhammad Hamed

Dai tempi della loro ascesa al potere nella penisola arabica, i Saud tentano di imporre la propria guida al mondo islamico-sunnita e tuttavia, essendo appartenenti “sotto-categoria” religiosa dei wahabiti, da sempre incontrano difficoltà e ostacoli. La Fratellanza Musulmana – altra espressione del mondo sunnita – è storicamente ostile alla casa regnante di Riad e questa frattura ha di recente prodotto molti danni per gli uni e per gli altri.

All’indomani delle Primavere Arabe la Fratellanza Musulmana sembrava aver guadagnato spazio e consenso, specialmente con l’ascesa alla carica di Presidente dell’Egitto di Mohammed Morsi. La Turchia di Erdogan – e in parte anche il Qatar – si erano ritagliati il ruolo di “padrini” e finanziatori di questa nuova fase, mentre l’Arabia Saudita si era tenuta su una posizione ambivalente, temendo il dissenso interno e l’ascesa dei Fratelli Musulmani. Pare addirittura che Riad abbia finanziato in Siria sia gruppi laici sia fanatici islamici (Jabhat al Nusra probabilmente, e forse anche l’Isis) interni alla ribellione pur di impedire una vittoria della fazione sostenuta dalla Fratellanza . «In quel periodo l’Arabia Saudita (e non solo) temeva anche un allontanamento dell’alleato americano», spiega Claudio Neri, direttore dell’Istituto Italiano di studi strategici. «L’amministrazione Obama – prosegue Neri – pianificava di disimpegnarsi il più possibile da Europa e Medio Oriente per dedicare i propri sforzi allo scenario Pacifico. Forse anche per questo all’Arabia Saudita non è dispiaciuto dare un contributo perché l’esperimento di pacificazione dopo le Primavere Arabe deragliasse».

Quando le Primavere Arabe hanno avuto la loro fase di riflusso – con la restaurazione in Egitto, il caos in Libia, l’arretramento dei ribelli e la loro frantumazione in Siria e la degenerazione degli scontri in Iraq – i Saud hanno infatti provato a trarne beneficio e posizioni di potere, ad esempio finanziando il nuovo Presidente egiziano Al Sisi, e costringendo il Qatar a espellere diversi leader dei Fratelli Musulmani. Ma nel caos degli ultimi anni aveva intanto fatto tempo ad emergere come rafforzato – e favorito dalla contingenza – lo storico avversario, la Repubblica Islamica Iraniana.

Dopo il periodo di isolamento e crisi durante i due mandati presidenziali di Mahmud Ahmadinejad, con l’instabilità interna esplosa nell’Onda Verde del 2009, l’Iran ha dato un importante segnale con l’elezione del moderato Hassan Rohani nel maggio 2013. «La Guida Suprema, l’Ayatollah Khamenei, ha intuito che ai fini della pacificazione interna era preferibile dare una valvola di sfogo alla popolazione irrequieta lasciando vincere, non un rivoluzionario e nemmeno un riformista, ma almeno un moderato», racconta Pejman Abdolmohammadi, docente di Storia e istituzioni dei paesi islamici all’Università di Genova. «Anche per uscire dall’isolamento internazionale una figura come Rohani, col suo ministro degli Esteri Mohammad Javad Zarif (entrambi hanno studiato in Occidente in gioventù), è ideale. Questo ha già consentito un ritorno favorevole per l’economia del Paese, grazie ad un parziale allentamento delle sanzioni durante il periodo per cui durerà la nuova fase di negoziato sul nucleare di Teheran, con effetti di stabilizzazione per il sistema teocratico». E potrebbe avere un impatto a livello geopolitico ancora più profondo.

Se l’Iran uscisse dal cono d’ombra in cui è stato confinato a partire dalla rivoluzione Khomeinista del 1979, considerato il momento di crisi e destrutturazione dell’ordine mediorientale degli ultimi decenni, avrebbe uno spazio di manovra enorme. Già ora è diplomaticamente molto attivo in tutti i teatri di crisi, dalla Siria all’Iraq, dallo Yemen al Libano. Se venisse legittimato dalla comunità internazionale, l’intero scacchiere mediorientale ne risentirebbe in termini di un ribilanciamento degli attuali equilibri a favore di Teheran.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La variante sudafricana non esiste!

La Pop Art e la critica del sistema

Prezzi dell’energia: una politica per soluzioni durature

Usa, il Pentagono indaga sugli UFO

Autodistruzione imperiale