A Kiev, rileggendo La guardia bianca


I palazzi ottocenteschi della Volodymyrska come quello, in tipico stile russo, al numero 43, in cui nacque il famoso giornalista Alexander Vertinsky, o quello al civico 40/2 decorato con torri barocche, sede a partire dal 1907 di una scuola privata dove insegnò Pyotr Korolyov, padre di Serghey, l’ingegnere spaziale della navicella Soyuz, sono in grado di restituirci a livello visuale l’atmosfera della Kiev ginnasiale in cui si muove l’adolescente Michail Afanasevich Bulgakov.

I palazzi ottocenteschi della Volodymyrska come quello, in tipico stile russo, al numero 43, in cui nacque il famoso giornalista Alexander Vertinsky, o quello al civico 40/2 decorato con torri barocche, sede a partire dal 1907 di una scuola privata dove insegnò Pyotr Korolyov, padre di Serghey, l’ingegnere spaziale della navicella Soyuz, sono in grado di restituirci a livello visuale l’atmosfera della Kiev ginnasiale in cui si muove l’adolescente Michail Afanasevich Bulgakov.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img