A Leopoli c’è ancora aria di intrigo e di mistero


Lo scrittore William Saroyan la definiva “un brutto sogno di Dio”. Definizione da non prendere alla lettera, come insegnava Elio Vittorini. Certo è che ancora oggi la regale città austro-ungarica, passata alla Polonia dopo il trattato di Versailles del 1919, conserva un’atmosfera molto particolare.

Lo scrittore William Saroyan la definiva “un brutto sogno di Dio”. Definizione da non prendere alla lettera, come insegnava Elio Vittorini. Certo è che ancora oggi la regale città austro-ungarica, passata alla Polonia dopo il trattato di Versailles del 1919, conserva un’atmosfera molto particolare.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Autodistruzione imperiale

Trattato del Quirinale: Macron punta sull’Italia

Unione europea: miti e leggende