spot_img

Nucleare: a Vienna riaprono i colloqui con l’Iran


Riprendono i negoziati sul nucleare per cercare di salvare l'accordo del 2015. Ma da quell'anno molte cose sono cambiate...

Martino Mazzonis Martino Mazzonis
Giornalista e ricercatore, è autore di Come cambia l’America (con Mattia Diletti e Mattia Toaldo, 2009) e di Tea party (con Giovanni Borgognone, 2011).

Riprendono i negoziati sul nucleare per cercare di salvare l’accordo del 2015. Ma da quell’anno molte cose sono cambiate…

Sono ripresi a Vienna i colloqui multilaterali tra Iran e le diplomazie occidentali, di Cina e Russia per tentare di salvare il Joint Comprehensive Plan of Action (JCPoA), l’accordo sul nucleare siglato nel 2015 tra Teheran nel tentativo di impedire all’Iran di dotarsi della tecnologia necessaria per costruire la bomba. Come tutti ricorderanno l’accordo venne siglato dopo un forte investimento diplomatico da parte americana e un ruolo importante svolto dalla Russia ma venne presto messo in discussione dal Presidente Trump che lo abbandonò nel maggio 2018.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Nato, un ruolo per l’Italia

Climate change: le diverse policy ambientali