spot_img

L’asse Mosca-Riyad e la sforbiciata alla produzione di petrolio


L’accordo di Vienna punta a frenare la caduta dei prezzi, e qualcosa in più Decisivo l’asse Mosca-Riyad, che emargina l’Opec, indebolito anche dall’uscita del Qatar. Attesa la furia di Trump, anche se gli Usa, ormai esportatori netti possono trarre vantaggio dalla decisione. Come l’Iran

Il caldo saluto tra Vladimir Putin e Mohammed bin Salman al G20 di Buenos Aires. REUTERS

L’accordo di Vienna punta a frenare la caduta dei prezzi, e qualcosa in più Decisivo l’asse Mosca-Riyad, che emargina l’Opec, indebolito anche dall’uscita del Qatar. Attesa la furia di Trump, anche se gli Usa, ormai esportatori netti possono trarre vantaggio dalla decisione. Come l’Iran

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img
rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo