spot_img

Adiz cinese: il Giappone sapeva dal 2010


Secondo il Mainichi Shimbun, media giapponese, i cinesi avevano avvertito il Giappone, circa l'intenzione di ampliare la propria zona di identificazione di difesa aerea già nel 2010. Secondo documenti di cui sarebbe entrato in possesso il Mainichi Shimbun, ci sarebbe stato un meeting tra ufficiali dell'esercito cinese e giapponese, alla China Foundation for International and Strategic Studies a Pechino, il 14 e il 15 maggio del 2010. All'epoca, secondo quanto rivelato, la Cina avrebbe già stabilito la propria zona di difesa aera, pur senza averla rivelata pubblicamente.

Secondo il Mainichi Shimbun, media giapponese, i cinesi avevano avvertito il Giappone, circa l’intenzione di ampliare la propria zona di identificazione di difesa aerea già nel 2010. Secondo documenti di cui sarebbe entrato in possesso il Mainichi Shimbun, ci sarebbe stato un meeting tra ufficiali dell’esercito cinese e giapponese, alla China Foundation for International and Strategic Studies a Pechino, il 14 e il 15 maggio del 2010. All’epoca, secondo quanto rivelato, la Cina avrebbe già stabilito la propria zona di difesa aera, pur senza averla rivelata pubblicamente.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Un futuro (in)sostenibile per la Germania

La Nato senza ragione