spot_img

Afghanistan: il regime talebano vieta alle ragazze il ritorno a scuola


Il primo giorno dell’anno scolastico afghano, 23 marzo, le scuole superiori femminili non hanno riaperto. Immediata la reazione internazionale, sono a rischio finanziamenti e donazioni. Oggi la conferenza Onu sull’assistenza umanitaria al Paese

Ilaria Bertocchini Ilaria Bertocchini
Laureata in Governo e Politiche alla LUISS e con un Master in Politics of the Middle East presso la School of Oriental and African Studies (SOAS) di Londra. Si occupa di relazioni internazionali con focus sui diritti umani nell'area Medio Oriente e Nord Africa.

Il primo giorno dell’anno scolastico afghano, 23 marzo, le scuole superiori femminili non hanno riaperto. Immediata la reazione internazionale, sono a rischio finanziamenti e donazioni. Oggi la conferenza Onu sull’assistenza umanitaria al Paese

La recente decisione dell’amministrazione afghana di negare la riapertura delle scuole superiori femminili riaccende la luce sul Paese e sulle gravi conseguenze sui diritti umani dalla presa del potere dei Talebani. In particolare, cosa è cambiato negli aiuti umanitari? Fino a che punto gli Stati e i donatori internazionali sono disposti a interagire con questa autorità?

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Ue, essere o non essere una Unione?

Gli Stati Uniti tornano a parlare di UFO

L’Europa federale