spot_img

Afghanistan, dal Panjshir passa il futuro del Paese


L'abbandono degli Stati Uniti spinge le potenze regionali a un riassetto negli equilibri esistenti. Il Pakistan ipotizza una nuova organizzazione regionale con Cina e Russia

Matteo Meloni Matteo Meloni
Giornalista, è membro del comitato editoriale di eastwest. Si occupa di geopolitica di Medio Oriente e Nord Africa, Stati Uniti, rapporti tra Paesi Nato, di organizzazioni internazionali. Già Addetto Stampa al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, ha lavorato come Digital Communication Adviser alla Rappresentanza Italiana presso le Nazioni Unite a New York.

L’abbandono degli Stati Uniti spinge le potenze regionali a un riassetto negli equilibri esistenti. Il Pakistan ipotizza una nuova organizzazione regionale con Cina e Russia

L’effetto domino scatenato dalla presa del potere dei Talebani in Afghanistan spinge le forze regionali a un riassetto negli equilibri esistenti, tanto da ipotizzare nuove forme di cooperazione — e addirittura organizzative — tra player del calibro di Cina, Russia, Iran e Pakistan. I quattro Paesi sono direttamente coinvolti dagli stravolgimenti in atto nell’Emirato Islamico, desiderosi di sfruttare al massimo la disfatta statunitense e la ritirata degli eserciti occidentali.

Una situazione in divenire

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img