spot_img

Afghanistan: un narco-stato


La coltivazione di papavero da oppio in Afghanistan ha raggiunto livelli record e il Paese continua ad essere responsabile quasi del 90 per cento della produzione mondiale. Il dato è stato diffuso da John F. Sopko, ispettore generale speciale per la Ricostruzione in Afghanistan (Sigar), l’ente di controllo del governo statunitense preposto per la verifica dei costi nel Paese centroasiatico.

La coltivazione di papavero da oppio in Afghanistan ha raggiunto livelli record e il Paese continua ad essere responsabile quasi del 90 per cento della produzione mondiale. Il dato è stato diffuso da John F. Sopko, ispettore generale speciale per la Ricostruzione in Afghanistan (Sigar), l’ente di controllo del governo statunitense preposto per la verifica dei costi nel Paese centroasiatico.

 

Afghan farmers work at a poppy field in Jalalabad province May 5, 2012. REUTERS/Parwiz

“Nonostante la spesa di più di sette miliardi di dollari per combattere la coltura di papaveri da oppio e lo sviluppo della capacità anti-narcotraffico del governo afghano – ha dichiarato Sopko -, i livelli delle coltivazioni hanno raggiunto un record senza precedenti nel 2013”. E la situazione è destinata a peggiorare: “Nell’opinione di quasi tutti quelli con cui ho parlato – ha aggiunto l’ispettore generale del Sigar – la situazione in Afghanistan è disastrosa, con poche prospettive di miglioramento nel 2014 e oltre”.

Sopko si è basato sui dati del rapporto “Afghanistan Opium Survey”, redatto dall’Ufficio delle Nazioni Unite contro la Droga e il Crimine (Unodc). In Afghanistan, infatti, si legge nel resoconto redatto dall’Unodc, la produzione di questo stupefacente è aumentata del 17 per cento rispetto all’anno passato e le aree di coltivazione del papavero sono state ampliate del 7 per cento. Nel 2007 erano 193mila gli ettari coltivati, ora il papavero da oppio interessa una superficie di 209mila ettari.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img