spot_img

Al Noa di Mosca si mangia italiano


Si chiama Mirko Caldino e viene da La Spezia. Ha 32 anni e 38 cuochi da dirigere. Nel suo ristorante, il Noa, solo clientela di alto livello, politici e grossi nomi del business. Fra cui il patron del Chelsea Roman Abramovic, ma anche Dimitrij Medvedev, delfino di Putin. E si celebrano le feste della novella grandeur russa. Il segreto del suo successo? Un sacro rispetto per la tradizione. Rigorosamente italiana.

Si chiama Mirko Caldino e viene da La Spezia. Ha 32 anni e 38 cuochi da dirigere. Nel suo ristorante, il Noa, solo clientela di alto livello, politici e grossi nomi del business. Fra cui il patron del Chelsea Roman Abramovic, ma anche Dimitrij Medvedev, delfino di Putin. E si celebrano le feste della novella grandeur russa. Il segreto del suo successo? Un sacro rispetto per la tradizione. Rigorosamente italiana.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania