Albanesi d’Italia: non solo malavita


Un ventennio dopo gli sbarchi, viaggio da Trieste a Bari fra i migranti del Paese delle aquile. La mafia albanese resta forte e organizzata, ma la maggior parte dei migranti si è integrata in attività perfettamente normali. Da questo punto di vista il laboratorio più interessante è quello di Milano.

Un ventennio dopo gli sbarchi, viaggio da Trieste a Bari fra i migranti del Paese delle aquile. La mafia albanese resta forte e organizzata, ma la maggior parte dei migranti si è integrata in attività perfettamente normali. Da questo punto di vista il laboratorio più interessante è quello di Milano.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img