spot_img

All chengguan are bastards?


Due fatti, che raccontano molto della Cina contemporanea.

Il primo: qualche settimana un venditore ambulante di angurie, come ce ne sono a migliaia nelle strade delle cittadine cinesi, è stato picchiato a morte dai chengguan, poliziotti amministrativi, che hanno il compito di assicurare il decoro cittadino.

Il secondo: il 10 luglio 2013 il Quotidiano del Popolo, organo di stampa del Partito Comunista, in un articolo riporta che il «mestiere di chengguan è un ruolo molto ambito tra la popolazione» a giustificazione dei tanti che avrebbero fatto domanda, per i posti disponibili.

Due fatti, che raccontano molto della Cina contemporanea.

Il primo: qualche settimana un venditore ambulante di angurie, come ce ne sono a migliaia nelle strade delle cittadine cinesi, è stato picchiato a morte dai chengguan, poliziotti amministrativi, che hanno il compito di assicurare il decoro cittadino.

Il secondo: il 10 luglio 2013 il Quotidiano del Popolo, organo di stampa del Partito Comunista, in un articolo riporta che il «mestiere di chengguan è un ruolo molto ambito tra la popolazione» a giustificazione dei tanti che avrebbero fatto domanda, per i posti disponibili.

 

I cinesi, ormai, odiano i chengguan. Chi sono, cosa fanno e perché esistono i chengguan?

Le risposte a queste domande raccontano molto di più della Cina contemporanea, rispetto a tante analisi economiche basate su numeri e finanza. Si tratta di un processo cominciato con le Riforme di fine anni 80 e ancora di più con la svolta neo liberista effettuata dalla Cina a fine anni 90, dopo il crackdown di piazza Tienanmen.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Quattro anni per Aung San Suu Kyi

Usa-Cina: conflitto inevitabile

Francia, nostalgia di Indochine