spot_img

Alla “geometria variabile” manca la terza dimensione


La lezione di Copenaghen per l'Europa è che divisi si conterà sempre meno. Tollerata nei vari "Gs" per ragioni storiche, ma sempre più annacquata, ridimensionata dalle riforme in corso nelle istituzioni internazionali quali Fmi e Banca mondiale, la presenza plurima degli europei, con posizioni che spesso si elidono tra loro, rischia di diventare un fattore di debolezza anziché di forza nella governance globale. I nuovi assetti nati dall’entrata in vigore del Trattato di Lisbona dovrebbero anche servire a garantire una presenza più coordinata ed efficace, ma...

La lezione di Copenaghen per l’Europa è che divisi si conterà sempre meno. Tollerata nei vari “Gs” per ragioni storiche, ma sempre più annacquata, ridimensionata dalle riforme in corso nelle istituzioni internazionali quali Fmi e Banca mondiale, la presenza plurima degli europei, con posizioni che spesso si elidono tra loro, rischia di diventare un fattore di debolezza anziché di forza nella governance globale. I nuovi assetti nati dall’entrata in vigore del Trattato di Lisbona dovrebbero anche servire a garantire una presenza più coordinata ed efficace, ma…

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania

La Nato senza ragione