spot_img

Ancora morte in Nord Kivu


Torna la paura nella regione del Nord Kivu, nella Repubblica Democratica del Congo. Dopo un periodo di calma apparente dove sembrava che l’esercito di Kinshasa fosse riuscito a prendere finalmente il controllo di un’area del Paese da decenni al centro di scontri interetnici le violenze sono di nuovo esplose con una violenza forse inattesa.

Torna la paura nella regione del Nord Kivu, nella Repubblica Democratica del Congo. Dopo un periodo di calma apparente dove sembrava che l’esercito di Kinshasa fosse riuscito a prendere finalmente il controllo di un’area del Paese da decenni al centro di scontri interetnici le violenze sono di nuovo esplose con una violenza forse inattesa.

 Soldiers from the Democratic Republic of Congo (DRC) take part in a parade to mark the country's Independence Day through a street in eastern city of Goma June 30, 2014. REUTERS/Kenny Katombe
I ribelli ugandesi dell’Adf Nalu, gruppo di miliziani in fuga dall’Uganda che si nasconde nelle foreste del Nord Kivu e a cavallo con il confine rwandese, ha fatto irruzione alla fine della scorsa settimana nel villaggio di Beni, distruggendo e uccidendo a colpi di machete 27 persone, per lo più donne e bambini, senza il minimo intervento dell’esercito regolare congolese.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania