And here’s to you, Mrs Dolby (ovvero la storia di Jiang Feng e cosa c’entra con lo scandalo Bo Xilai)


«Non c'è ragione di pensare male, circa le relazioni tra le persone». Con queste parole sul suo blog, chiamato «la padrona di casa» (un titolo di cui vedremo a breve l'ironia non voluta), Mrs Dolby, aka Jiang Feng, nota presentatrice televisiva della CCTV, ha voluto prendere le distanze dal caso Bo Xilai.

«Non c’è ragione di pensare male, circa le relazioni tra le persone». Con queste parole sul suo blog, chiamato «la padrona di casa» (un titolo di cui vedremo a breve l’ironia non voluta), Mrs Dolby, aka Jiang Feng, nota presentatrice televisiva della CCTV, ha voluto prendere le distanze dal caso Bo Xilai.

 

Perché è stata chiamata in causa? Per quali ragioni questa ex studentessa modello cinese, molto vicina ad un membro attuale del Politburo, suo ex docente, dal 2001 in Gran Bretagna, sarebbe collegata allo scandalo più clamoroso scoppiato nel mondo politico cinese?

Ci sono da fare innanzitutto alcune precisazioni: come l’estate scorsa, per il secondo anno consecutivo l’affaire Bo Xilai tiene banco in attesa del processo. Si tratta di una situazione paradossale, perché i moventi politici dietro l’eliminazione dell’ex potente leader di Chongqing appaiono molto chiari agli osservatori, ma ormai la vicenda è trascesa in una sorta di plot narrativo simile ad un thriller, focalizzata su particolari di ogni tipo. Tutto viene analizzato, tenendo conto che il processo sarà probabilmente una farsa di mezza giornata, con la probabilità che quanto avverrà all’interno dell’aula, rimarrà sconosciuto, eccetto il verdetto (si parla di vent’anni di condanna).

Così in quest’ultimo periodo ci si sta concentrando su quali saranno le prove contro Bo Xilai per dimostrare la sua corruzione. Nell’ambito di queste ricerche è venuta alla luce l’esistenza di una costosa villa francese, Villa Fontaine Saint Georges, a Cannes, dal valore di oltre due milioni di sterline, che pare sia stata acquistata da Xu Ming, uomo d’affari molto vicino a Bo Xilai – è considerato il suo tesoriere – e già arrestato. A gestire la villa sarebbero state tre persone che in modo diverso sono al centro dello scandalo Bo Xilai.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img