spot_img

Il riposizionamento strategico dell’Arabia Saudita


Gli Accordi di Abramo hanno cambiato i rapporti di forza nel Golfo a sfavore dei Sauditi, e così anche l’elezione di Biden. Ora i Saud devono trattare con il nemico storico, l’Iran

Gli Accordi di Abramo hanno cambiato i rapporti di forza nel Golfo a sfavore dei Sauditi, e così anche l’elezione di Biden. Ora i Saud devono trattare con il nemico storico, l’Iran

Gli Accordi di Abramo possono essere considerati ragionevolmente una pietra miliare della diplomazia internazionale. Il riconoscimento dello Stato d’Israele da parte di Emirati Arabi Uniti e Bahrein ha portato, da un lato, alla fine di una serie di ostacoli prettamente ideologici e, dall’altro, enfatizzato ulteriormente l’ipocrisia del mondo arabo e di altri Paesi a maggioranza musulmana verso la questione palestinese, sfruttata principalmente a fini propagandistici di politica interna. In parallelo, le ripercussioni degli Abraham Accords hanno investito il ruolo egemone dell’Arabia Saudita, che oggi si ritrova nella complicata posizione di potenza centrale per la stabilità del Golfo, ma in subordine rispetto agli Emirati, sui quali sono attualmente puntati i riflettori di opinione pubblica, investitori e player internazionali.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img

COP 28: Green New Deal for Future

Grecia: i diritti civili vincono contro la scomunica

Israele/Palestina: la guerra del gas

Mezzo mondo va al voto nel 2024: ma come e per fare cosa?

rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo