spot_img

Arrestato il figlio dell’ex zar della sicurezza in Cina


Mentre Xi Jinping – sempre più un enigma per la stampa internazionale – sta cercando di sistemare le cose con la controparte americana, approfittando della visita del vicepresidente Usa Biden in Cina, sul fronte interno sembra non avere sosta la campagna anti corruzione. E dopo tanti sospetti e rumors, sembra definitivamente stringersi il cerchio intorno all'ex zar della sicurezza Zhou Yongkang (protagonista del «mantenimento della stabilità» e a capo della cordata che controllerebbe tutto il settore energetico in Cina): il figlio infatti, sarebbe in stato di arresto.

Mentre Xi Jinping – sempre più un enigma per la stampa internazionale – sta cercando di sistemare le cose con la controparte americana, approfittando della visita del vicepresidente Usa Biden in Cina, sul fronte interno sembra non avere sosta la campagna anti corruzione. E dopo tanti sospetti e rumors, sembra definitivamente stringersi il cerchio intorno all’ex zar della sicurezza Zhou Yongkang (protagonista del «mantenimento della stabilità» e a capo della cordata che controllerebbe tutto il settore energetico in Cina): il figlio infatti, sarebbe in stato di arresto.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La Nato senza ragione

Gli Stati Uniti tornano a parlare di UFO

L’Europa federale