spot_img

Ascesa e declino di Petrobras, l’ex regina del Brasile


“Cosa vale di più, un CD pirata usato venduto su una bancarella o un’azione della Petrobras?” “Chi scambia due azioni Petrobras con un McMenu?”. Queste sono solo due delle centinaia di prese in giro con cui i caustici brasiliani hanno chiuso su Twitter il loro 2014, un anno duro per l’economia del paese del samba anche a causa di quello che un tempo era considerato con la Seleção il simbolo dell’essere brasiliano, la Petrobras per l’appunto.

“Cosa vale di più, un CD pirata usato venduto su una bancarella o un’azione della Petrobras?” “Chi scambia due azioni Petrobras con un McMenu?”. Queste sono solo due delle centinaia di prese in giro con cui i caustici brasiliani hanno chiuso su Twitter il loro 2014, un anno duro per l’economia del paese del samba anche a causa di quello che un tempo era considerato con la Seleção il simbolo dell’essere brasiliano, la Petrobras per l’appunto.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania