Aulenti: fare architettura nella globalizzazione


La dicotomia tra globalizzazione e regionalismo. L'opinione controcorrente di uno dei più grandi architetti italiani. Che sottolinea i rischi derivanti dalla perdita delle singole identità nazionali e mette in guardia dalla tentazione di abbattere gli edifici esistenti, anziché cercare di valorizzarli. E che spiega come una seria programmazione da parte delle amministrazioni pubbliche debba sempre essere alla base della ristrutturazione di qualsiasi "brano di città".

La dicotomia tra globalizzazione e regionalismo. L’opinione controcorrente di uno dei più grandi architetti italiani. Che sottolinea i rischi derivanti dalla perdita delle singole identità nazionali e mette in guardia dalla tentazione di abbattere gli edifici esistenti, anziché cercare di valorizzarli. E che spiega come una seria programmazione da parte delle amministrazioni pubbliche debba sempre essere alla base della ristrutturazione di qualsiasi “brano di città”.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La variante sudafricana non esiste!

La Pop Art e la critica del sistema

Prezzi dell’energia: una politica per soluzioni durature

Usa, il Pentagono indaga sugli UFO

Autodistruzione imperiale