spot_img

Australia e Cina ai ferri corti da mesi: ecco perché


Il Governo federale dell'Australia vuole dotarsi del potere di veto sugli accordi con i Paesi stranieri per poterli bloccare. La mossa aggrava le tensioni diplomatiche e commerciali con la Cina

Il Governo federale dell’Australia vuole dotarsi del potere di veto sugli accordi con i Paesi stranieri per poterli bloccare. La mossa aggrava le tensioni diplomatiche e commerciali con la Cina

Il portavoce del Ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian partecipa a una conferenza stampa a Pechino, Cina, 10 settembre 2020. REUTERS/Carlos Garcia Rawlins

Ieri il Parlamento dell’Australia ha approvato una legge che conferisce al Governo federale il potere di veto sugli accordi raggiunti con gli altri Paesi, permettendogli di bloccarli qualora “influenzino negativamente le relazioni esterne” di Canberra oppure siano “incoerenti” con la sua politica estera.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Anche la Germania e il Canada guardano al Pacifico

Dal mito alla storia, ecco la vera anima del Giappone: il “kokutai”

La crisi del Mediterraneo arabo