EN

eastwest challenge banner leaderboard

RETROSCENA

Cina: miti e leggende

Indietro

Rassegna dei luoghi comuni e delle false interpretazioni più frequenti e abusate

Non passare più di 15 minuti nei bagni pubblici a Shanghai

VERO

La Cina continua la sua infatuazione con l’Intelligenza Artificiale, che cerca di applicare in ogni campo possibile. A Shanghai sono stati aperti 150 bagni pubblici “smart” – che controllano tutto: il flusso d’acqua, la temperatura del bagno stesso, la quantità di carta igienica utilizzata e il tempo che l’utente trascorre sul water. Se questo è superiore ai 15 minuti, scatta una suoneria che invia un impiegato municipale a controllare che la persona nel bagno stia bene. Pechino, Shenzhen e Guangzhou stanno mettendo a punto toilettes simili.

L’entrata in vigore della legge contro gli abusi domestici ha favorito il divorzio 

FALSO

La legge volta a proteggere da coniugi violenti è entrata in vigore nel marzo del 2016 ed era stata accolta come un passo positivo per la protezione, in particolare, delle donne sposate a mariti violenti. Chi pensava che questo potesse aumentare i casi di divorzio, però, è rimasto interdetto: le prime statistiche post-legislative mostrano che nei due terzi dei casi i tribunali cinesi riconoscono l’esistenza di violenza domestica, ma rifiutano di concedere il divorzio quando a denunciare sono le mogli. Questo, dato che la legge prevede di “promuovere l’armonia familiare e la stabilità sociale” e tende dunque a concedere al marito una seconda possibilità.

La Cina proibisce l’esportazione di abiti neri a Hong Kong  

VERO

Dopo aver proibito l’esportazione di maschere chirurgiche e anti-gas, di occhiali protettivi, di ombrelli gialli e di elmetti da cantiere, la Cina ha deciso di bloccare l’esportazione di abiti neri verso Hong Kong. Il nero, infatti, è il colore solitamente indossato dai manifestanti che da più di quattro mesi protestano per le vie dell’ex colonia britannica, chiedendo maggiore democrazia. La dogana cinese ha dichiarato a tutti i corrieri e alle poste che i pacchi verso Hong Kong saranno ispezionati maggiormente e che gli abiti neri sono nella lista dei prodotti proibiti.

@IlariaMariaSala

Questo articolo è pubblicato anche sul numero di novembre/dicembre di eastwest.

Puoi acquistare la rivista in edicola o abbonarti.

Su questo argomento, leggi anche

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA