Bahman Ghobadi: il cinema è un’arma per lottare


Molti dei suoi film sono ambientati in Kurdistan, al confine tra Paesi diversi. Come Il tempo dei cavalli ubriachi, che ha vinto la Caméra d’or per la migliore opera prima al Festival di Cannes 2000. O come Marooned in Iraq (Intrappolato in Iraq, 2002) che racconta di un vecchio musicista che attraversa il confine per recuperare la figlia che l’ex moglie, tanto amata e in fin di vita per le armi chimiche di Saddam Hussein, ha avuto da un altro uomo.

Molti dei suoi film sono ambientati in Kurdistan, al confine tra Paesi diversi. Come Il tempo dei cavalli ubriachi, che ha vinto la Caméra d’or per la migliore opera prima al Festival di Cannes 2000. O come Marooned in Iraq (Intrappolato in Iraq, 2002) che racconta di un vecchio musicista che attraversa il confine per recuperare la figlia che l’ex moglie, tanto amata e in fin di vita per le armi chimiche di Saddam Hussein, ha avuto da un altro uomo.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img