spot_img

Beirut diaries: verità, bugie e videotape


Quando Beirut diaresvenne selezionato per partecipare a un festival in Francia, Beirut era ancora sotto assedio e veniva quotidianamente attaccata dal cielo, dal mare e da terra. “Non ero ancora pronta a lasciare il Paese, ma volevo che il film venisse visto”, ha detto a eastla regista Mai Masri.

Quando Beirut diaresvenne selezionato per partecipare a un festival in Francia, Beirut era ancora sotto assedio e veniva quotidianamente attaccata dal cielo, dal mare e da terra. “Non ero ancora pronta a lasciare il Paese, ma volevo che il film venisse visto”, ha detto a eastla regista Mai Masri.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania

La Nato senza ragione