spot_img

Belgrado, contro le speculazioni edilizie


Sabato 25 giugno, 25000 persone, guidate dal movimento “Ne Davimo Beograd”, gioco di parole traducibile come “Non facciamo affondare/abbattere Belgrado”, hanno invaso il centro di Belgrado. Hanno contestato a gran voce il progetto “Waterfront Belgrade” che si propone di rivoluzionare il volto di Savamala, insediamento costruito nel 1830 nel centro di Belgrado, sulla riva orientale del fiume Sava.

Sabato 25 giugno, 25000 persone, guidate dal movimento “Ne Davimo Beograd”, gioco di parole traducibile come “Non facciamo affondare/abbattere Belgrado”, hanno invaso il centro di Belgrado. Hanno contestato a gran voce il progetto “Waterfront Belgrade” che si propone di rivoluzionare il volto di Savamala, insediamento costruito nel 1830 nel centro di Belgrado, sulla riva orientale del fiume Sava.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img