Bibó, terapeuta politico dell’Europa centrale


Per il grande pensatore ungherese non vi sarebbe stata democrazia nell'Europa centrale fino a quando non fosse venuta meno la "continua sensazione di paura e pericolo". Si riferiva al fatto di aver trasformato in regola "ciò che le vere democrazie conoscono solo nell'ora del pericolo: la riduzione delle libertà pubbliche, la caccia ai 'mercenari' del nemico e ai traditori, l’imposizione a ogni costo dell’ordine o della sua apparenza, e dell’unità nazionale a scapito della libertà”.

Per il grande pensatore ungherese non vi sarebbe stata democrazia nell’Europa centrale fino a quando non fosse venuta meno la “continua sensazione di paura e pericolo”. Si riferiva al fatto di aver trasformato in regola “ciò che le vere democrazie conoscono solo nell’ora del pericolo: la riduzione delle libertà pubbliche, la caccia ai ‘mercenari’ del nemico e ai traditori, l’imposizione a ogni costo dell’ordine o della sua apparenza, e dell’unità nazionale a scapito della libertà”.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La Pop Art e la critica del sistema

Prezzi dell’energia: una politica per soluzioni durature

Usa, il Pentagono indaga sugli UFO

Autodistruzione imperiale

Trattato del Quirinale: Macron punta sull’Italia