spot_img

Boldrini, It’s your fault


Come previsto in un paio di giorni il video satirico It's your fault ha sfondato ampiamente il muro del milione di visualizzazioni su Youtube, diventando tema di approfondimento giornalistico sulla tv indiana. Visto il dibattito corrente sulle posizioni espresse dalla presidente Boldrini, ci sono ancora un paio di spunti che vorrei buttare lì.

Come previsto in un paio di giorni il video satirico It’s your fault ha sfondato ampiamente il muro del milione di visualizzazioni su Youtube, diventando tema di approfondimento giornalistico sulla tv indiana. Visto il dibattito corrente sulle posizioni espresse dalla presidente Boldrini, ci sono ancora un paio di spunti che vorrei buttare lì.

 

Sul canale d’informazione in lingua inglese forse più autorevole in India, Ndtv, le due protagoniste del video satirico – Kalki Koechlin, attrice di Bollywood, e Juhi Pande, VJ di Channel V – sono state intervistate dalla giornalista Barkha Dutt, in India una specie di paladina della sinistra moderata.

Nell’intervista Dutt dice una cosa molto importante che val la pena di sottolineare: il video in sé non è solo un attacco alla violenza fisica di genere, ma in modo molto più sottile va a minare una serie di regole non scritte che impongono alla donna un ruolo da eterna subordinata.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img