spot_img

Bolivia, Morales lascia. “È golpe”


Per l’Organizzazione degli Stati Americani sono chiare le manipolazioni sul risultato delle elezioni di ottobre, ma Messico e Uruguay appoggiano il primo Presidente indigeno

La gente prende parte a una manifestazione a sostegno del Presidente boliviano Evo Morales dopo che ha annunciato le sue dimissioni domenica, a Buenos Aires, Argentina, 11 novembre 2019. Il cartello recita "Evo, non sei solo". REUTERS/Agustin Marcarian

Per l’Organizzazione degli Stati Americani sono chiare le manipolazioni sul risultato delle elezioni di ottobre, ma Messico e Uruguay appoggiano il primo Presidente indigeno

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img