Botswana, un successo tutto africano


Per il quarto anno consecutivo, il Botswana è il paese più prospero dell’intero continente africano. Questo il risultato della graduatoria elaborata dal Legatum Insitute di Londra nel suo ultimo “Africa Prosperity Report”, pubblicato lo scorso 11 dicembre.

Per il quarto anno consecutivo, il Botswana è il paese più prospero dell’intero continente africano. Questo il risultato della graduatoria elaborata dal Legatum Insitute di Londra nel suo ultimo “Africa Prosperity Report”, pubblicato lo scorso 11 dicembre.

The House of Chiefs - Photo hosted on flickr

Un’ulteriore conferma dei risultati straordinari raggiunti negli ultimi anni da Gaborone a livello economico e istituzionale, che consentono alla nazione dell’Africa australe di classificarsi al primo posto in termini di Pil pro capite (15.176 $), confermandosi come la più virtuosa del continente anche in materia di buon governo, livello d’istruzione e libertà personale.

Nathan Gamester, direttore del progetto del Legatum Prosperity Index, commentando i dati emersi dallo studio spiega che “l’indice sulla prosperità nazionale non è calcolato soltanto sullo sviluppo economico, ma è legato anche ad altri importanti fattori come educazione, assistenza sanitaria, libertà personale, livello di corruzione e buon governo. E mentre le economie africane crescono, la preoccupazione principale per molti governi della regione è racchiusa nel garantire che la maggioranza della popolazione possa beneficiare dei frutti della crescita”.

In pratica, quello che da alcuni anni sta accadendo nell’ex protettorato britannico, attualmente guidato dal sessantunenne Seretse Khama Ian Khama, figlio maggiore di sir Seretse Khama, primo presidente del Botswana libero.

Seretse Khama junior, lo scorso ottobre, è stato eletto per un secondo mandato dopo le elezioni legislative tenutesi il 24 ottobre e vinte dal suo partito, il Bdp (Partito democratico del Botswana), che governa ininterrottamente il Paese dal 1966, quando ottenne l’indipendenza dal Regno Unito.

Ian Khama, prima di assumere la presidenza nel 2008, era stato vicepresidente per tutto il decennio del suo predecessore Festus Mogae. E nel corso di questa lunga esperienza di governo, ha partecipato al processo di riforme per assicurare stabilità al paese, culminate con l’adozione di politiche volte a garantire un appropriato impiego delle risorse pubbliche. Per questo, gli è stato facile proseguire in questa direzione con scelte politiche accorte che hanno consolidato le riforme economiche e sociali, avviate da Mogae.

Senza dubbio, la buona governance ha favorito lo sviluppo del Botswana che negli ultimi due decenni ha registrato un tasso di crescita medio annuo del 4,46%, culminato con un incremento del 18,2% nel 2002 e un record negativo del -11,8% nel terzo trimestre del 2009, anno in cui la crisi finanziaria globale ha avuto pesanti ripercussioni anche in Africa sub-sahariana. Mentre per le statistiche relative al 2014, il Pil del Botswana crescerà del 5,4% rispetto all’anno precedente.

Senza contare, che la piccola nazione senza sbocco al mare ha un Pil pro capite di oltre settemila dollari per abitante, uno dei più alti dell’intera Africa sub-sahariana, e che le brillanti performance macroeconomiche hanno fatto sì che il Botswana, a differenza dei paesi limitrofi, non faccia più parte dei paesi meno sviluppati e non necessiti di particolari aiuti finanziari, strategie o nuovi programmi di sviluppo.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img