Bristol, la città più verde del Regno Unito


Nel sud-ovest dell'Inghilterra c'è una città all'avanguardia per la pianificazione dei trasporti e del consumo energetico.

Nel sud-ovest dell’Inghilterra c’è una città all’avanguardia per la pianificazione dei trasporti e del consumo energetico.

http://www.betterbybike.info/

Una municipalità che ha previsto investimenti enormi in termini di sostenibilità: 500 milioni di euro per il miglioramento del sistema di trasporto urbano entro il 2015; 300 milioni per l’efficienza energetica e le energie rinnovabili entro il 2020. La sua strategia di gestione ambientale è un modello a livello mondiale; non a caso la Commissione Europea l’ha nominata European Green Capital 2015. Stiamo parlando di Bristol: il centro urbano più verde del Regno Unito.
 
Ma perché la città inglese è diventata un punto di riferimento per lo sviluppo sostenibile? Quali politiche sono state adottate per migliorare la qualità della vita dei bristoliani? E quali sono gli obiettivi per il futuro prossimo e remoto?

Con i suoi 441mila abitanti, Bristol è la sesta città più popolosa d’Inghilterra e l’ottava del Regno Unito. Negli ultimi quindici anni la popolazione è cresciuta notevolmente: tra il 2001 e il 2011 addirittura del 10% (a fronte di una crescita media nazionale del 7%). In poco più di un decennio gli uffici municipali hanno registrato circa 50mila nuovi residenti. Le conseguenze più evidenti sono state un rapido aumento dei consumi energetici e delle emissioni ed una più intensa mobilità nel centro. La municipalità si è quindi vista costretta a formulare in breve tempo una visione per il futuro e a pianificare una serie di interventi nello spazio urbano.

La strategia dell’amministrazione pubblica si è concentrata essenzialmente su due aspetti: mobilità e consumo di energia. Sul fronte della mobilità, il Joint Local Transport Plan 2011-2026  (sviluppato dal Bristol City Council in collaborazione con altre municipalità della regione) ha puntato soprattutto al miglioramento del sistema di trasporti cittadino e all’incentivazione dell’uso di mezzi alternativi. I dati testimoniano il successo degli investimenti. Tra il 2010 e il 2013 i passeggeri del trasporto pubblico sono aumentati del 20%; mentre la spesa di 22 milioni di sterline per l’ampliamento progressivo della rete ciclabile (circa 300km di piste) ha prodotto un beneficio socio-economico enorme: il numero dei ciclisti urbani è infatti raddoppiato in pochi anni, decongestionando dal traffico automobilistico le strade del centro. Questo ha determinato una significativa diminuzione delle emissioni di CO2 per  i trasporti (-15% pro capite).

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La Pop Art e la critica del sistema

Prezzi dell’energia: una politica per soluzioni durature

Usa, il Pentagono indaga sugli UFO

Autodistruzione imperiale

Trattato del Quirinale: Macron punta sull’Italia