Buongiorno Africa


Il 25 marzo scorso è risuonato alto, forte e chiaro il “Buongiorno” in swahili (la principale lingua locale dell’Africa dell’Est) di Xi Jinping a centinaia di imprenditori e politici della Tanzania, riuniti a Dar es Salaam in un grande centro congressi, peraltro costruito dai cinesi.

Il 25 marzo scorso è risuonato alto, forte e chiaro il “Buongiorno” in swahili (la principale lingua locale dell’Africa dell’Est) di Xi Jinping a centinaia di imprenditori e politici della Tanzania, riuniti a Dar es Salaam in un grande centro congressi, peraltro costruito dai cinesi.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Marocco e Israele, ecco l’accordo sulla difesa

Nucleare: a Vienna riaprono i colloqui con l’Iran

La variante sudafricana non esiste!

La Pop Art e la critica del sistema