spot_img

C’è un po’ d’India anche a Londra


Benvenuti a Southall, recita la scritta in inglese e Gurmukhi, all’ingresso della stazione ferroviaria. La cornice vittoriana di Paddington lascia il posto a un universo orientale dove l’unica “englishness” è costituita da un autobus rosso diretto a Heathrow.

Benvenuti a Southall, recita la scritta in inglese e Gurmukhi, all’ingresso della stazione ferroviaria. La cornice vittoriana di Paddington lascia il posto a un universo orientale dove l’unica “englishness” è costituita da un autobus rosso diretto a Heathrow.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania