CAMPIONI – Propaganda “social” e solidarietà per forza


Dei falsi per obbligare il calcio a devolvere i premi dei Mondiali ai bambini di Gaza.

Dei falsi per obbligare il calcio a devolvere i premi dei Mondiali ai bambini di Gaza.

 

Fischio d’inizio: il 12 giugno 2014 mentre il Brasile inaugura il Mondiale contro la Croazia allo stadio di Sao Paulo, tre ragazzi israeliani scompaiono da Gush Etzion, una colonia vicino Hebron, in Cisgiordania. I brasiliani esordiscono con una tripletta che fa sognare il Paese, a più di 11mila chilometri di distanza scoppia l’ultimo conflitto Israele-Palestina.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Marocco e Israele, ecco l’accordo sulla difesa

Nucleare: a Vienna riaprono i colloqui con l’Iran

La variante sudafricana non esiste!

La Pop Art e la critica del sistema