spot_img

Canada: Alberta great again!


Le province di Alberta e Saskatchewan chiedono l’indipendenza ma ottenerla è complicato. E l’export del petrolio ne risentirebbe

Le province di Alberta e Saskatchewan chiedono l’indipendenza ma ottenerla è complicato. E l’export del petrolio ne risentirebbe

Canada: Alberta e Saskatchewan chiedono l'indipendenza. Un sostenitore partecipa a una manifestazione per Wexit Alberta, un gruppo separatista in cerca dello status di partito politico federale, a Calgary, Alberta, Canada, 16 novembre 2019. REUTERS/Todd Korol
Un sostenitore partecipa a una manifestazione per Wexit Alberta, un gruppo separatista in cerca dello status di partito politico federale, a Calgary, Alberta, Canada, 16 novembre 2019. REUTERS/Todd Korol

Le elezioni federali dello scorso ottobre non sono andate benissimo per il Primo Ministro Justin Trudeau: ha ottenuto un secondo mandato ma ha perso il voto popolare e una ventina di seggi rispetto al 2015, ritrovandosi alla guida di un Governo di minoranza. Le analisi del voto hanno restituito un Canada diviso, con i Conservatori che faticano nell’est urbano e con i Liberali che, al contrario, non sono riusciti a conquistare nemmeno un seggio nelle province occidentali di Alberta e Saskatchewan. Il Canada è andato così ad aggiungersi alla lista di quei Paesi i cui destini politici sono segnati dalla divisione centro-periferia – lista in cui rientrano gli Stati Uniti e tanti altri –, ma dietro all’espulsione dei Liberali dall’ovest c’è di più.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania