spot_img

Carbonato: quando l’Hi-Tech è Made in Italy


Esporta in 40 Paesi e tra i clienti annovera la Nasa, General Electric, Boeing e Rolls Royce. Gianfranco Carbonato, amministratore delegato di Prima Industrie, racconta come un’azienda in provincia di Torino sia diventata uno dei più noti nomi al mondo per l’alta tecnologia. Un percorso industriale di tutto rispetto per un’azienda che fin dalla nascita si è posta come obiettivo di andare oltrefrontiera. E riguardo poi alle acquisizioni oltre Atlantico e alle joint venture in Cina e Giappone…

Esporta in 40 Paesi e tra i clienti annovera la Nasa, General Electric, Boeing e Rolls Royce. Gianfranco Carbonato, amministratore delegato di Prima Industrie, racconta come un’azienda in provincia di Torino sia diventata uno dei più noti nomi al mondo per l’alta tecnologia. Un percorso industriale di tutto rispetto per un’azienda che fin dalla nascita si è posta come obiettivo di andare oltrefrontiera. E riguardo poi alle acquisizioni oltre Atlantico e alle joint venture in Cina e Giappone…

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania

La Nato senza ragione