spot_img

Cartoline da Tripoli


A concludere affari d’oro sono rimasti in pratica solo i cambiavalute in nero, che lavorano più o meno alla luce del sole, offrendo tassi molto allettanti rispetto al cambio ufficiale, grazie ai tanti connazionali – sono già 250mila – che lasciano ormai la città per andarsene all’estero, soprattutto
in Tunisia.

A concludere affari d’oro sono rimasti in pratica solo i cambiavalute in nero, che lavorano più o meno alla luce del sole, offrendo tassi molto allettanti rispetto al cambio ufficiale, grazie ai tanti connazionali – sono già 250mila – che lasciano ormai la città per andarsene all’estero, soprattutto
in Tunisia.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Un futuro (in)sostenibile per la Germania

La Nato senza ragione