Cartoline dal Bangladesh


Una nota scrittrice e giornalista cinese ha visitato, accompagnata dai suoi figli, il Paese delle tigri mangiauomini. Ne ha tratto per east un racconto penetrante e umoristico. “Nel venire a conoscenza del mio progetto di andare in Bangladesh – premette Lijia Zhang – i miei amici mi avevano chiesto: perché? È un paese povero, allo sfacelo e spesso funestato da cicloni. Perché no?

Una nota scrittrice e giornalista cinese ha visitato, accompagnata dai suoi figli, il Paese delle tigri mangiauomini. Ne ha tratto per east un racconto penetrante e umoristico. “Nel venire a conoscenza del mio progetto di andare in Bangladesh – premette Lijia Zhang – i miei amici mi avevano chiesto: perché? È un paese povero, allo sfacelo e spesso funestato da cicloni. Perché no?

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Marocco e Israele, ecco l’accordo sulla difesa

Nucleare: a Vienna riaprono i colloqui con l’Iran

La variante sudafricana non esiste!

La Pop Art e la critica del sistema