spot_img

Cartoline dall’Iraq


New Dawn: così Barack Obama ha battezzato questa nuova fase della guerra in Iraq. Ma, come capita spesso in questa stagione, le albe irachene non sono affatto chiare, per via delle tempeste di sabbia. . E infatti non si è ben capito come cambierà l’intervento militare e civile degli Stati Uniti nella Terra dei Due Fiumi. Tanto per cominciare, di soldati Usa ne resteranno ancora tanti: 50mila fino alla fine del 2011, per non parlare dei contractor, che al momento sono 70mila e il cui numero è destinato ad aumentare.

New Dawn: così Barack Obama ha battezzato questa nuova fase della guerra in Iraq. Ma, come capita spesso in questa stagione, le albe irachene non sono affatto chiare, per via delle tempeste di sabbia. . E infatti non si è ben capito come cambierà l’intervento militare e civile degli Stati Uniti nella Terra dei Due Fiumi. Tanto per cominciare, di soldati Usa ne resteranno ancora tanti: 50mila fino alla fine del 2011, per non parlare dei contractor, che al momento sono 70mila e il cui numero è destinato ad aumentare.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania