Lituania, scoppia il caso migranti in arrivo dalla Bielorussia


Il Parlamento lituano vota una legge controversa sulla gestione dei flussi migratori, che permette la detenzione di massa delle persone entrate irregolarmente

Matteo Meloni Matteo Meloni
Giornalista, è membro del comitato editoriale di eastwest. Si occupa di geopolitica di Medio Oriente e Nord Africa, Stati Uniti, rapporti tra Paesi Nato, di organizzazioni internazionali. Già Addetto Stampa al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, ha lavorato come Digital Communication Adviser alla Rappresentanza Italiana presso le Nazioni Unite a New York.

Il Parlamento lituano vota una legge controversa sulla gestione dei flussi migratori, che permette la detenzione di massa delle persone entrate irregolarmente

La Lituania si è dotata di una controversa legge sulla gestione dei flussi migratori che permetterà alle autorità la detenzione di massa delle persone entrate irregolarmente nel Paese, rendendo complicata per i richiedenti asilo la possibilità di appellarsi. Il Parlamento lituano ha approvato la norma con 84 voti su 141 rappresentanti totali nonostante le proteste della Croce Rossa e di altre organizzazioni umanitarie.

I migranti dalla Bielorussia

Vilnius arriva a questa scelta non casualmente: c’entrano, infatti, le crescenti tensioni con la vicina Bielorussia, accusata di aver permesso il passaggio di centinaia di cittadini extracomunitari verso la Lituania come controffensiva alle sanzioni Ue già imposte a Minsk. La pressione migratoria sulla Lituania è piuttosto anomala: per il Ministro degli Esteri Gabrielius Landsbergis si parla di numeri simili a quelli costantemente sperimentati da nazioni quali Grecia e Spagna.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Autodistruzione imperiale

Trattato del Quirinale: Macron punta sull’Italia

Unione europea: miti e leggende