spot_img

East 11

Editoriale

In un ordine delle cose di natura quasi copernicana, fra Stati Uniti ed Europa in Medio Oriente vigeva una divisione del lavoro: sorretti da una forza militare impareggiabile, i primi esercitavano il potere politico d'imporre soluzioni ai conflitti; la seconda si occupava di raccogliere i fondi e di organizzare la ricostruzione economica delle regioni disastrate. Il modello non funzionava solo per il Medio Oriente: è stato utilizzato con più successo anche nei Balcani. Ma fu per il Levante, e soprattutto per il processo di pace tra israeliani e palestinesi, che venne definito e applicato nell'epoca clintoniana.

Nuovi anziani una grande opportunità

La nuova “età d’argento” pone dilemmi cruciali sia ai Paesi più ricchi, sia a quelli più poveri. Le realtà variano, le ricette cambiano a seconda degli equilibri di potere e delle situazioni economiche e sociali. Ma l’ageing society è come l’effetto serra: richiede innovazioni coraggiose e la revisione di molti luoghi comuni. Perché il mondo produttivo avrà bisogno degli anziani ed essi stanno diventando consapevoli della loro forza politica.

Numeri in libertà

LA PENSIONE È UN PENSIERO
È l’Italia il Paese europeo più incerto sul futuro del sistema pensionistico. Secondo una ricerca del “Financial Times” ben il 72% degli italiani è pessimista sul destino della propria pensione. Seguono i tedeschi (45%), gli spagnoli (44,8%), gli inglesi (41%) e i francesi (36,5%). Dal sondaggio, svolto attraverso 10.000 interviste telefoniche, i britannici sono inoltre i più disponibili a lavorare oltre l’età pensionabile: il 72% contro il 67% degli italiani e il 56% dei tedeschi.

Il boom mondiale del fair trade

È di circa 100 milioni in Italia e 660 milioni in Europa il giro d’affari del commercio equo-solidale. Un fenomeno, nato nel Centro e Nord Europa, che si sta sviluppando in tutti i Paesi occidentali. E che impone una diversa strategia nella distribuzione. Mentre cresce l’interesse delle multinazionali, in Italia si profila una nuova normativa. E anche il Parlamento europeo...

Cose dell’altro mondo

ALL’EROS-FIERA DELL’EST
Il Paese più popoloso al mondo dovrebbe essere anche il più sessualmente attivo, il che non significa che in Cina il sesso non rappresenti un tabù: si fa, ma non se ne parla. L’educazione sessuale inesistente nelle scuole, il numero vertiginoso di aborti causati dalla scarsa informazione (10 milioni l’anno), le pubblicità di preservativi vietate, ancora oggi il sesso per i cinesi di tutte le età è “qualcosa di cui vergognarsi”, “di sporco”. Ma quel che non può la censura può il business emulativo.

Venice Forum giugno 2006

Il “Venice Forum”, iniziativa congiunta del Gruppo UniCredit, Comune di Venezia, Fondazione 2000 e della rivista internazionale di cultura, politica ed economia east, nasce come Forum permanente di dibattito europeo, animato da qualificati rappresentanti del mondo politico-istituzionale, economico e accademico.

ULTIME NOTIZIE

Tra Lituania e Cina è scontro sugli smartphone

Lady Huawei, per la Cina una vittoria (più che) simbolica

La rivoluzione italiana del Green Pass

Germania, al via le trattative per il post Merkel

UK: supermercati vuoti!