spot_img

I massacri senza fine della Repubblica Centrafricana


Civili uccisi in chiesa a colpi di machete. E cadono anche i caschi blu dell’Onu. Dopo oltre cinque anni, la guerra in Centrafrica fra gli ex ribelli della Séléka a maggioranza musulmana e le milizie cristiane-animiste anti-balaka tocca nuovi picchi di violenza

Un membro della milizia armata anti-balaka posa mentre mostra le sue armi nella città di Bocaranga, Repubblica Centrafricana, il 28 aprile 2017. REUTERS / Baz Ratner

Civili uccisi in chiesa a colpi di machete. E cadono anche i caschi blu dell’Onu. Dopo oltre cinque anni, la guerra in Centrafrica fra gli ex ribelli della Séléka a maggioranza musulmana e le milizie cristiane-animiste anti-balaka tocca nuovi picchi di violenza

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img