Chernobyl, la Pompei postatomica


Il day after a Pripjat’ non è mai finito. L’olocausto nucleare che ha fatto tremare l’intera Europa nell’aprile del 1986 è lontano, ma il ‘giorno dopo’ non è ancora tramontato e quel che resta di due città e di una manciata di villaggi in un’area di 30 chilometri di raggio è, a tutt’oggi, off limits.

Il day after a Pripjat’ non è mai finito. L’olocausto nucleare che ha fatto tremare l’intera Europa nell’aprile del 1986 è lontano, ma il ‘giorno dopo’ non è ancora tramontato e quel che resta di due città e di una manciata di villaggi in un’area di 30 chilometri di raggio è, a tutt’oggi, off limits.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La variante sudafricana non esiste!

La Pop Art e la critica del sistema

Prezzi dell’energia: una politica per soluzioni durature

Usa, il Pentagono indaga sugli UFO

Autodistruzione imperiale