spot_img

Serbia e Ungheria, le alleate europee della Cina


Pechino prova a rilanciare la sua presenza in Europa centro-orientale dopo la defezione della Lituania dal 17+1. A Belgrado si pensa persino a una statua di Xi Jinping

Lorenzo Lamperti Lorenzo Lamperti
Direttore editoriale di China Files e coordinatore editoriale di Associazione Italia-ASEAN. Scrive di Cina e Asia per diverse testate tra cui Affaritaliani (di cui ha gestito la sezione esteri), Eastwest, il Manifesto e ISPI.

Pechino prova a rilanciare la sua presenza in Europa centro-orientale dopo la defezione della Lituania dal 17+1. A Belgrado si pensa persino a una statua di Xi Jinping

Un aereo che trasporta un milione di dosi di vaccini anti Covid del China National Biotec Group (CNBG) di Sinopharm arriva all’aeroporto Nikola Tesla di Belgrado, Serbia, 16 gennaio 2021. REUTERS/Marko Djurica

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania