EN

eastwest challenge banner leaderboard

Come cambia il commercio internazionale

Indietro

L’accordo TTIP con gli Usa rappresenta per la Ue la grande occasione di governare la globalizzazione. Necessario raggiungere al più presto un’intesa.

Dal dopoguerra gli scambi internazionali si sono ampliati e la prosperità si è diffusa, grazie all’accordo GATT del 1947 e poi alla nascita dell’Organizzazione mondiale del commercio (WTO), che ha stabilito nel 1995 le norme commerciali oggi in vigore. Da allora le negoziazioni sono divenute molto più complicate, anche perché il numero di membri dell’organizzazione è aumentato fino a raggiungere gli attuali 160 paesi. Se i primi round furono decisi in pochi mesi, per la creazione del WTO occorsero oltre 7 anni.

A partire dal 2003 (dalla V Ministeriale WTO di Cancún) i paesi emergenti hanno posto il problema del loro ruolo nelle decisioni, bloccando il negoziato della Doha Development Agenda (DDA).

Dieci anni di stallo hanno dato impulso alle negoziazioni di accordi bilaterali e regionali in tutto il mondo. Questa proliferazione è stata vista, in particolare in Europa, come tendenza dei player commerciali più forti a costruirsi un proprio sistema di alleanze, opposto a quello del WTO.

 In realtà tali accordi possono facilitare la liberalizzazione degli scambi, obbligando chi è escluso a muoversi verso un’apertura. I progressi raggiunti a Bali nel 2013 alla IX Ministeriale – l’approvazione di una parte della DDA, soprattutto dell’Accordo sulla facilitazione degli scambi (TFA) che semplifica le procedure doganali – sono in gran parte dovuti proprio agli accordi e ai negoziati in corso tra i paesi del G7. I paesi industrializzati hanno intavolato negli ultimi anni varie trattative con l’ambizione di stipulare tra loro accordi bilaterali avanzati e ambiziosi: il Comprehensive Economic and Trade Agreement (CETA) tra Europa e Canada; l’accordo di libero scambio Ue-Giappone; il partenariato transpacifico; e infine il Trattato transatlantico sul commercio e gli investimenti (TTIP), che integrerà circa metà del Pil mondiale (con un terzo dei flussi commerciali) e svolgerà una funzione fondamentale di standard setting.

Questi negoziati – soprattutto quello con gli Usa – sono stati determinanti per arrivare all’approvazione del pacchetto di Bali, e per il completamento tecnico dell’accordo TFA a fine novembre 2014. L’esistenza del negoziato TTIP ha spinto in primo luogo la Cina a collaborare per cercare di terminare la trattativa DDA. Un accordo Ue con gli Usa potrà quindi far sì che il processo di graduale apertura degli scambi – specie nei paesi BRICS, i cui mercati sono ancora molto protetti – non si arresti. Il TTIP è pertanto la chiave di volta del nuovo sistema di relazioni commerciali internazionali che sta per nascere. Assisteremo alla formazione di una “governance della globalizzazione” articolata su tre livelli: i grandi accordi – come il TTIP – rappresenteranno l’avanguardia in termini di rimozione delle barriere commerciali, tariffarie e non. Gli accordi plurilaterali settoriali, come quelli in corso su servizi (TISA), beni ambientali (green goods) e dell’Information Technology (ITA), rappresenteranno il secondo livello di liberalizzazione. Infine il Doha round, al completamento delle trattative, darà vantaggi commerciali, in misura minore, a tutti i paesi WTO, inclusi quelli ancora non pronti per procedere alle aperture richieste dai primi due tipi di percorso negoziale. I progressi compiuti bilateralmente – e a livello plurilaterale – accelereranno quelli della DDA.

Il TTIP è dunque il fulcro su cui poggia la possibilità per l’Occidente di guidare la globalizzazione, in una seconda fase incentrata sulla transizione dei paesi emergenti, da economie di produzione a economie di consumo. Una fase potenzialmente ricca di benefici per noi a patto che si crei finalmente un level playing field. Stipulare un accordo con gli Usa getterà le basi per ottenere tale apertura, che costituisce la premessa per la futura crescita europea e mondiale.

L’Italia nel semestre appena trascorso alla Presidenza dell’Ue ha svolto un ruolo chiave per cogliere questa occasione storica. Abbiamo ottenuto la trasparenza delle trattative per il TTIP, richiesta dall’opinione pubblica, portando l’Europa a ribadire agli Usa la volontà di arrivare a un risultato politico tangibile nel 2015, nonostante le esitazioni di Francia e Germania.

Dal nostro punto di vista, c’è la necessità di accordarsi approfittando della window of opportunity che si chiuderà con le elezioni presidenziali Usa. Sarebbe auspicabile raggiungere l’accordo in prossimità della chiusura del Partenariato transpacifico (TPP), che da parte americana si vorrebbe definito già a marzo. Il prossimo round negoziale per il TTIP si svolgerà a Bruxelles nella prima settimana di febbraio. Sarà un round decisivo per capire se ci sono possibilità reali di rapida conclusione.

Le parti dovranno finalmente procedere a scambiarsi le proposte di miglioramento dell’accesso al mercato per beni, servizi, investimenti e appalti pubblici. Sarebbe un’apertura decisiva, spianerebbe il cammino verso l’intesa, cui potrà poi seguire la definizione dei dettagli tecnici. Nei prossimi mesi vi saranno però dei passi politici importanti da compiere, sia da parte europea che americana. In primo luogo va svolto un dibattito interno all’Ue, in Consiglio e in Parlamento europeo, sulla clausola per la protezione degli investimenti, l’ISDS, per stabilire come procedere, lasciando per ora da parte la questione a livello negoziale.

Il meccanismo di risoluzione delle controversie investitore-Stato è stato oggetto di una consultazione pubblica appena conclusa che ha espresso lo scetticismo della pubblica opinione in Europa; la Ue valuterà con grande attenzione la propria posizione, per creare la migliore versione possibile di un tale strumento nel TTIP.

Da parte Usa il Congresso dovrà concedere la Trade Promotion Authority, richiesta dal Presidente lo scorso 20 gennaio, dando al governo il potere di concludere, senza condizionamenti parlamentari, il negoziato transatlantico.

L’amministrazione Obama dovrà superare resistenze all’interno della stessa compagine democratica nella Camera dei Rappresentanti, ma ho fiducia che ciò accadrà in primavera. 

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA