Come la piccola impresa può conquistare la Cina


Le PMI italiane sono costrette allo “strabismo”: un occhio attento al miglioramento dei margini operativi attuali, alla difesa delle quote di mercato e dei volumi prodotti; e l’altro rivolto all’avvio di indispensabili progetti di ricerca e innovazione. L’obiettivo è quello di alzare la qualità dei prodotti e differenziare l’offerta rispetto agli standard della sempre più agguerrita e numerosa concorrenza internazionale. Ma anche questo passa attraverso una nuova stagione dei Distretti Industriali.

Le PMI italiane sono costrette allo “strabismo”: un occhio attento al miglioramento dei margini operativi attuali, alla difesa delle quote di mercato e dei volumi prodotti; e l’altro rivolto all’avvio di indispensabili progetti di ricerca e innovazione. L’obiettivo è quello di alzare la qualità dei prodotti e differenziare l’offerta rispetto agli standard della sempre più agguerrita e numerosa concorrenza internazionale. Ma anche questo passa attraverso una nuova stagione dei Distretti Industriali.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La variante sudafricana non esiste!

La Pop Art e la critica del sistema

Prezzi dell’energia: una politica per soluzioni durature

Usa, il Pentagono indaga sugli UFO

Autodistruzione imperiale