spot_img

Conflitti congelati e revanscismo russo


Moldova, Abkhazia e Ossezia, Nagorno-Karabakh, Trasdnistria. Sono tutte aree di crisi in cui si avverte, pesante, la mano del Cremlino. Che sembra incapace di stabilire normali relazioni politiche ed economiche con i Paesi confinanti che aspirano alla democrazia. Così la televisione di Mosca se la prende con l’Unione Europea scatenando una violenta e aggressiva campagna mediatica.

Moldova, Abkhazia e Ossezia, Nagorno-Karabakh, Trasdnistria. Sono tutte aree di crisi in cui si avverte, pesante, la mano del Cremlino. Che sembra incapace di stabilire normali relazioni politiche ed economiche con i Paesi confinanti che aspirano alla democrazia. Così la televisione di Mosca se la prende con l’Unione Europea scatenando una violenta e aggressiva campagna mediatica.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania

La Nato senza ragione